[ ART D'OFFRIR ]  Le champagne est le cadeau idéal ! Retrouvez notre sélection d'idées cadeaux champagne, pour toutes vos occasions d'offrir > VOIR LA SÉLECTION

Dom Pérignon

Vintage 2013 Bottiglia (0.75L) | Bottiglia sola

Dom Pérignon Vintage 2013 fa rivivere il passato delle vintage tardive. Questa eccezione – dopo due decenni di vendemmie precoci interrotte dall’annata 2004 – fa luce su uno degli aspetti fondamentali del gesto creativo di Dom Pérignon: tenere conto del lavoro del tempo di maturazione nella ricerca dell’armonia. Dom Pérignon Vintage 2013 è uno champagne elegante e delicato.

269,00 

In magazzino. Consegna in 5-10 giorni
Consegna gratuita a partire da 500€ di acquisto Imballaggio accurato a prova di rottura Comunicateci il vostro messaggio personale al momento della conferma dell'ordine Vedi tutti i prodotti Champagne di Dom Pérignon

    La visione dello Chef de Cave, la sua padronanza dell’integrazione delle specificità dell’anno, lo portano a immaginare e anticipare gli effetti del lavoro del tempo. Dopo un decennio di maturazione sui lieviti, l’esperienza del Dom Pérignon Vintage 2013 si rivela: pulita ed evidente, un’armonia di champagne scolpita dal tempo, l’esperienza di degustazione di uno champagne elegante e delicato.

    Dom Pérignon ha un’ambizione creativa, quella della ricerca, costantemente rinnovata, dell’armonia dello champagne. I suoi valori sensoriali sono dispiegati: precisione, intensità, tattilità, mineralità, complessità, completezza, un modo di trattenere la nota.

    Ogni processo creativo ha i suoi vincoli. Per Dom Pérignon è l’annata. Un impegno assoluto a testimoniare il raccolto di uno stesso anno, qualunque sia la sfida, fino al punto di accettare di non dichiarare l’annata.

    Il tempo fa parte dell’equazione Dom Pérignon. Durante il periodo di maturazione attiva sui lieviti, nell’oscurità delle cantine, ogni annata si rivela. Per il Dom Pérignon Vintage 2013, questa lenta metamorfosi è durata quasi dieci anni.

    <strong>Eleganza e delicatezza:</strong> La creazione dell’annata 2013 rivela il gioco di risonanze tra Pinots Noirs e Chardonnay, acidità e rotondità. Il suo bouquet preciso, elegante e tattile dispiega un sapore aromatico e delicato attorno a tre sfumature: quella degli agrumi, quella di una sfaccettatura più vegetale e infine quella delle spezie. Questa precisione rivela un’eleganza in cui il vino, dopo un attacco arioso, diventa più potente.

    Per saperne di più :
    2013, un’annata tardiva:
    All’inizio del 2013, il vigneto è stato sottoposto a un inverno freddo e umido, seguito da una primavera particolarmente piovosa. Dall’inizio del suo ciclo vegetativo, la vite è quindi in ritardo di quindici giorni e non riuscirà mai a recuperare. I boccioli compaiono in ritardo, il fiore non sboccia fino alla fine di luglio e la formazione dei grappoli è disturbata.
    I lunghi mesi di eccesso d’acqua sono stati seguiti da una delle estati più calde e secche degli ultimi due decenni. Anche in questo caso, il metabolismo della vite è compromesso. Fino a settembre sono arrivate altre piogge abbondanti e poi venti da est che hanno preservato la salute delle uve fino alla vendemmia. In un momento eccezionalmente precoce della stagione, la raccolta inizia il 28 settembre e si protrae fino al 15 ottobre. La degustazione delle uve rivela un promettente equilibrio tra una bella rotondità dovuta alle condizioni estive e un’acidità caratteristica delle vintage tardive.
    Pinots Noirs precisi e Chardonnays notevoli: questi due periodi di eccesso d’acqua che incorniciano un periodo di siccità non hanno avuto lo stesso impatto sui diversi terroirs. Grazie ai terreni gessosi, che fungono da cuscinetto contro l’acqua, i vigneti dei Grand Cru e dei Premier Cru di Dom Pérignon sono stati in gran parte risparmiati.
    Così, gli Chardonnay della Côte des Blancs portano con sé la delicatezza e l’eleganza rabbiosa caratteristiche del cepage .
    Più sobri, i Pinots Noirs della Montagne de Reims apportano precisione e una forma di eleganza grazie alla loro acidità.
    di fermezza.
    All'occhio

    Uno champagne dalla luce vivace che scintilla di mille e uno colori, suscitando un'ondata di splendide emozioni.

    Al naso

    Il naso è delicato e si rivela in tocchi colorati. Il verde dell'eucalipto, della menta e del vetiver. Il giallo arancio della prugna mirabelle, dell'albicocca e dei fiori d'arancio. Il marrone del pepe, del cardamomo e del bastoncino di liquirizia. L'argento di iodio e arrosto.

    In bocca

    Il palato è elegante, semplice e preciso. L'attacco è avvolgente e arioso. La struttura fine del vino è amplificata. La sensazione salina accompagna il finale e rivela la coerenza del vino.

    Cibo e champagne

    Per questa annata 2012 del Dom Pérignon, gli abbinamenti perfetti sono: frutti di mare, caviale, ma anche pesci più magri e carni bianche.

    Temperatura di esercizio ideale

    Per apprezzarne tutta la finezza e gli aromi, lo champagne va gustato fresco (ma non ghiacciato). A seconda dell'cuvées, la temperatura di servizio ideale è compresa tra gli 8 e i 12°C.

    Potenziale di maturità

    Come tutti i vini, lo champagne può essere conservato per un periodo di tempo variabile a seconda del tipo. In condizioni di conservazione ottimali, lo champagne può essere conservato da 1 a 2 anni per le cuvées Brut, e fino a 4/5 anni o anche di più per gli cuvées vintage e prestige. In ogni caso, state certi che non potrete mai aprire il vostro champagne troppo presto, poiché le Maison di Champagne vendono le loro cuvées solo quando hanno raggiunto la perfetta maturazione e sono pronte per il consumo immediato.

    Montaggio :
    Pinot Noir, Chardonnay.
    Vinificazione :
    Assemblare e anticipare l’effetto del tempo: il Vintage 2013 evidenzia la doppia dimensione del lavoro creativo di Dom Pérignon. Il primo è la fusione dei complementi e degli opposti del 2013, ovvero rotondità e acidità. Il contributo della creazione si basa sulla loro risonanza, in dialogo, per rivelare l’equilibrio dei diversi sapori. La cesellatura di questi contrasti costruisce con precisione la linea prospettica dell’assemblaggio del 2013.
    Ma questo assemblaggio si basa anche su un altro aspetto della creazione: la sua dimensione profondamente proiettiva. Il creatore del Dom Pérignon anticipa il lavoro di maturazione e valuta l’effetto del tempo a venire sull’armonizzazione del blend.
    Risultato. Un blend che, dopo quasi 10 anni di maturazione, rivela l’eleganza e la delicatezza di questo nuovo Dom Pérignon Vintage 2013.

    Ti potrebbe interessare anche

    Box Standard Dom Pérignon Vintage Rosé

    Box Standard Dom Pérignon Vintage

    3