[ ART D'OFFRIR ] Le champagne est le cadeau idéal 🎁 Retrouvez notre sélection d'idées cadeaux champagne, pour toutes vos occasions d'offrir > VOIR LA SÉLECTION

Ruinart

Dom Ruinart Blanc de Blancs 2010 con astuccio per gesso Bottiglia (0.75L) | Astuccio

Champagne eccezionale, omaggio al gusto Ruinart, il Dom Ruinart Blanc de Blancs 2010 con astuccio per gesso è un grande vino Chardonnay. Saffiano, concentrato, al tempo stesso ricco e teso, rivela una grande intensità aromatica.

“La combinazione di un’annata tesa e di un’importante e un importante cambiamento enologico: la tappatura” – Frédéric Panaïtis, Cellar Master di Ruinart. Frédéric Panaïotis, Capo di Casa Ruinart.

269,00 

In magazzino. Consegna in 5-10 giorni
Consegna gratuita a partire da 500€ di acquisto Imballaggio accurato a prova di rottura Comunicateci il vostro messaggio personale al momento della conferma dell'ordine
Existe aussi en :
Vedi tutti i prodotti Champagne di Ruinart
    Sempre vintage, questa eccezionale cuvée è nata nel 1959. Il Dom Ruinart Blanc de Blancs 2010 con astuccio per gesso rende omaggio allo Chardonnay, cépage emblematico della Maison Ruinart, celebrando i migliori raccolti. Questo singolare vino è l’espressione delle migliori annate in cui lo Chardonnay ha potuto esprimere tutta la sua complessità ed eleganza, conservando una grande freschezza. Il Dom Ruinart 2010 segna un passo importante nel processo di invecchiamento, con il ritorno di una pratica un tempo utilizzata: il processo di tappatura. Alla fine degli anni ’90, guidato da un’intuizione, il maestro di cantina decise di invecchiare sotto sughero una parte della produzione Dom Ruinart del 1998. Al posto dei tappi metallici comunemente usati, opta per i tappi di sughero. Poi, come al solito, lasciò che il tempo facesse il suo corso. Nel 2008, all’assaggio, la differenza è significativa: le bottiglie tappate danno vini più tesi con un ulteriore strato di complessità. Il materiale è poroso, ma a lungo termine è estremamente stabile. Più della capsula metallica che lascia passare l’ossigeno costantemente e regolarmente ogni anno. La prova era nel budino. Le seguenti cuvée Dom Ruinart hanno beneficiato di questa conoscenza.

    Nel 2020, Ruinart ha rivoluzionato il packaging con il nuovo étui second skin, che ora avvolge tutte le sue bottiglie. Un’innovazione al servizio dell’eco-responsabilità che ha richiesto due anni di ricerca e sviluppo. Oggi è una cosa ovvia. Dove un tempo aveva senso una box formale, questa étui in fibra di cellulosa riciclabile è ora leggera ed elegante.

    Il astuccio per gesso, specifica del Dom Ruinart, è stata progettata in linea con questa innovazione. Morbida al tatto, vellutata come il gesso, veste questa bottiglia eccezionale. Con i suoi rilievi e le sue fessure, sembra essere stata scolpita direttamente nella roccia gessosa. Evoca il legame indissolubile tra Dom Ruinart e il gesso, dalla coltivazione delle viti su terreni gessosi all’invecchiamento delle cuvée nelle profonde crayères. Illustra la ricchezza delle capacità dell’uomo.

    Il tocco finale: una marcatura finale in oro, applicata a mano, gli conferisce un carattere eccezionale e sulla chiusura, un’incisione discreta del 1729, proclama l’eredità di Ruinart, la prima casa di champagne.

    Presentato in questo modo, questo eccezionale champagne è ideale per tutte le occasioni speciali e i regali.
    Per saperne di più :
    La vendemmia 2010: Una primavera fresca ha segnato l’inizio della vendemmia 2010, con temperature ben al di sotto della media decennale. Questo persiste fino alla fioritura, causando un ritardo di cinque giorni nel ciclo della vite. L’estate 2010 è iniziata bene, né troppo calda né troppo fredda, con un deficit di precipitazioni estive del 25% rispetto alla media dei dieci anni precedenti. Tutto cambia a metà agosto, quando l’uva inizia a maturare: piogge torrenziali (l’equivalente di due mesi di pioggia) si abbattono sulla regione della Champagne. Le condizioni estreme di calore costante e umidità ambientale favoriscono lo sviluppo del fungo Botrytis cinerea, che attacca in particolare il Pinot Nero e il Meunier. Fortunatamente lo Chardonnay, meno sensibile in questa fase, viene risparmiato. Settembre è un mese più mite. La raccolta inizia il 15 settembre e la qualità ottimale degli Chardonnay viene mantenuta fino alla maturazione e alla fine della vendemmia. Durante la degustazione dei vini chiari, gli Chardonnay 2010 ci sorprendono per la loro ricchezza: questo equilibrio negli alti permette al nostro team enologico di esprimere tutto il suo know-how nell’assemblaggio di questi grandi Chardonnay.
    All'occhio

    Il colore di questo vino è giallo oro con lievi riflessi verdognoli. L'effervescenza è fine e persistente.

    Al naso

    Il primo naso presenta una nota cipriata, floreale (Iris) e minerale (roccia umida) che evoca l'universo chypre della profumeria. Dominano poi le note tostate e speziate: il macis della noce moscata per la sua finezza e intensità, la nocciola e la mandorla tostate, un accenno di caffè, che ricordano profumi avvolgenti e rassicuranti. Le note di agrumi maturi danno energia agli aromi di questa annata.

    In bocca

    Al tempo stesso ricco e teso, il Dom Ruinart 2010 è seducente, espressivo e concentrato. Si impone con una grande intensità aromatica. Aromi di foglia di fico si mescolano a note di tè nero e spezie fresche (bacche di sil timur, mahaleb). Al palato, la materia si sviluppa e persiste, sia ferma che diretta. Il vino prosegue con un finale fresco arricchito da un'elegante nota amara. Il Dom Ruinart Blanc de Blancs 2010, un grande vino Chardonnay, ha una sensazione serena e tattile.

    Cibo e champagne

    Servito a una temperatura di 10-12°C, in ampi calici da degustazione Lehmann 45cL tipo Jamesse o in bicchieri da vino bianco, ne esalterà la complessità.
    I sapori forti dell'annata 2010, uniti a un'intensa freschezza, offrono numerose possibilità di abbinamento che uniscono know-how e modernità:
    - Filetto di maiale nero del Périgord, macis alla noce moscata, topinambur, olio di levistico e scaglie di castagne tostate
    - Aragosta blu di Bretagna affumicata con germogli di vite e spine di abete, petali di daikon, salsa cremosa con alghe wakame e scorza di limone
    - Porro in diverse consistenze (bruciato, fritto, purè), sabayon di patate e tartufo.

    Temperatura di esercizio ideale

    Servire tra i 10 e i 12 °C.

    Potenziale di maturità

    Ha un potenziale di invecchiamento fino a 10 anni e molto di più a seconda delle condizioni di conservazione.

    Montaggio :
    Un blend 100% Chardonnay, proveniente per il 90% dalla Côte des Blancs (Le Mesnil-sur-Oger, Avize, Chouilly e Cramant) e per il 10% dalle pendici settentrionali della Montagne de
    Reims (Sillery).
    Vinificazione :
    – Raccolta manuale
    – Fermentazione alcolica in vasche d’acciaio inox a temperatura controllata
    – Fermentazione malolattica
    – Stampa sughero
    – Interlacciamento manuale
    – Invecchiamento minimo di 9 anni su doghe
    – Sgravio manuale.

    La stampa sughero:
    Se dopo l’imbottigliamento i lieviti consumano rapidamente l’ossigeno rinchiuso nelle bottiglie, durante l’invecchiamento si verificano deboli e lenti scambi tra l’anidride carbonica che fuoriesce e l’ossigeno che entra. Questo contatto è tanto più critico in quanto, per un lungo periodo di tempo, l’ingresso di ossigeno modifica in modo significativo il profilo organolettico del vino, alterando la freschezza aromatica ricercata da Ruinart, soprattutto per un Blanc de Blancs invecchiato dieci anni in cantina. La padronanza di questi scambi gassosi è essenziale per ottenere il vino desiderato.
    Dom Ruinart 2010 segna un passo importante nel controllo di questi scambi, con il ritorno di una pratica un tempo utilizzata: la tappatura. Alla fine degli anni ’90, guidato da un’intuizione, il maestro di cantina decise di invecchiare sotto sughero una parte della produzione Dom Ruinart del 1998. Al posto dei tappi metallici comunemente usati, opta per i tappi di sughero. Poi, come al solito, lasciò che il tempo facesse il suo corso. Nel 2008, all’assaggio, la differenza è significativa: le bottiglie tappate danno vini più tesi con un ulteriore strato di complessità. Il materiale è poroso, ma a lungo termine è estremamente stabile. Più della capsula metallica che lascia passare l’ossigeno costantemente e regolarmente ogni anno.
    La prova è nel budino, il paradigma è cambiato. Le prossime cuvée Dom Ruinart beneficeranno di questa conoscenza. Scienza, sperimentazione e tradizione si fondono in un materiale tanto nobile quanto ecologico, poiché ha la capacità di rigenerarsi completamente ogni nove anni dopo il primo raccolto, che avviene 23 anni dopo la semina.
    Dosaggio :
    4 g/litro

    Ti potrebbe interessare anche

    Dom Ruinart Blanc de Blancs 2010

    1